Banda dello spaccio in un locale notturno di Trento: 6 arrestati, 2 latitanti, 22 denunciati

Maxi-operazione antidroga del Nucleo Investigativo di Trento: le indagini sono partite dai sospetti attorno ad un buttafuori di un noto locale notturno tridentino

Porta il nome di "Pinocchio" l'operazione che ha portato il Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Trento a porre fine ad un giro di droga nato attorno ad un locale per adulti della  città, ora chiuso. Ad intrattenere rapporti con i "clienti" era il buttafuori del locale, sul quale si sono inizialmente concentrate le indagini.

Ben presto i militari hanno però scoperto una vera e propria organizzazione criminale operante in provincia. La "merce", marijuana e cocaina, però veniva da Brescia e Crema. Sei le persone arrestate (italiani, albanesi e rumeni) quattro quelle sottoposte ad obbligo di firma, 22 i "clienti" denunciati mentre restano latitanti due membri della banda. Gli assuntori segnalati al Commissariato di Trento sarebbero addirittura un centinaio, dall'inizio delle operazioni, a novembre 2016, fino ad oggi.

Tra le persone coinvolte vi sarebbe anche un collaboratore di giustizia, già noto per episodi simili prima di collaborare con le forze dell'ordine, il quale, secondo l'ordinanza del GIP "prosegue in Trentino nella commissione di condotte illecite quali il traffico di cocaina che sono le medesime per le quali è già stato inquisito in passato".

Ingenti, secondo i dati delle indagini, i guadagni così come la quantità di marijuana sequestrata "alla fonte dai carabinieri di Crema: 40 chili, oltre a 2 chili di cocaina ed altri tre di sostanze da taglio. Un duro  colpo al "mondo sommerso trentino dello spaccio e della  malavita", queste le parole usate dal Comando di via Barbacovi, un'operazione importante (40 pattuglie impiegate per un totale di 75 uomini) condotta attraverso "un impegno costante di uomini e mezzi nella lotta allo smercio di strada". AGGIORNAMENTO: ARRESTATO UN LATITANTE, IL BUTTAFUORI ACCUSATO DI SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE clicca qui...

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento