Ancora fiamme nei masi storici di Pinzolo: doppio incendio doloso

Distrutta una casa a Pimont, borgo storico già salvato dalle fiamme poche settimane fa. Nel frattempo scattava l'allarme anche ai vicini masi di Cavaipeda. Questa volta è certa l'origine dolosa

foto: Vigili del Fuoco Madonna di Campiglio

Ancora fiamme nel piccolo borgo di Pimont ed anche nella frazione di Cavaipeda, entrambe nel comune di Pinzolo. I Vigili del Fuoco di Madonna di Campiglio sono intervenuti poco dopo mezzogiorno per un principio d'incendio a Pimont, suggestivo borgo storico già salvato dalle fiamme poche settimane fa, e poco dopo l'allarme è scattato anche a Cavaipeda.

Se la scorsa volta c'era qualche dubbio, questa volta è certo che dietro alle fiamme c'è la mano di un piromane. Ne è sicuro l'assessore di Pinzolo Luca Vidi, intervistato dal quotidiano online News Guidicarie.com (clicca qui). Il movente potrebbe essere legato alla complessa situazione del borgo di Pimont, un piccolo tesoro di storia ed architettura alpina, che si sta però spopolando. (foto: Franco Bisti Luconi > Vigili del Fuoco Volontari Madonna di Campiglio)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Sempre più trentini emigrano all'estero, prima destinazione Regno Unito

  • Cronaca

    Sbranò un bimbo, ora è stata rieducata e adottata: una seconda vita per Asia

  • Cronaca

    Paga una Porsche usata con un assegno falso: arrestato super-truffatore

  • Politica

    Cacciatori sulle strade forestali: proposta bocciata

I più letti della settimana

  • "Meraviglie": Alberto Angela torna in Trentino, questa volta al Castello del Buonconsiglio

  • Valsugana: centrato dall'auto al bivio di Levico, muore motociclista

  • Marcia per il clima: anche a Trento i giovani chiedono un futuro vivibile

  • Weekend: Fiera, San Patrizio e tanti eventi

  • Una collina di rifiuti alta 23 metri in una cava a Mezzocorona: blitz dei carabinieri

  • "Duello" a ricreazione con mazza e punteruolo: la lite era nata su facebook

Torna su
TrentoToday è in caricamento