Italia Nostra contro la riqualificazione di piazza Mostra: "Il Comune ci ripensi"

Una riqualificazione in realtà molto superficiale, improntata alla funzionalità del luogo, queste le critiche di Italia Nostra

Una riqualificazione che in realtà lascia tutto com'è, compresi i posti auto e la zona sosta per bus turistici proprio davanti al castello, che ogni sera puntualmente si riempie di auto. La critica al progetto di riqualificazione di piazza mostra arriva da beppo Toffolon, recentemente confermato alla guida di Italia Nostra Trento, a nome dell'associazione ed anche della delegazione Fai di Trento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'appello è rivolto al Comune affinchè si ripensi il progetto, non in chiave solamente "funzionale" per i visitatori del castello, ma anche piacevole per gli occhi, sensata da un punto di  vista realmente urbanistico. Com'è noto il progetto (che vi abbiamo presentato in questo articolo, clicca qui) è stato selezionato attraverso un bando che  prevedeva vincoli molto stretti, tra i quali, appunto, il mantenimento di alcuni posti auto ed interventi  minimi su via dei Ventuno, per la  quale  un tempo si era parlato addirittura di interramento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento