Strada di Bordala troppo stretta: petizione per allargarla, costerebbe 4 mln di euro

La strada di Bordala è larga non più di 3 metri, in alcuni punti, petizione in Consiglio provinciale. L'ingegnere della PAT De Col: "Costerebbe 4 milioni di euro"

E' arrivato sul tavolo ella Terza Commissione consiliare l'appello, sottoscritto da 120 residenti, per allargare la strada di Bordala, unico collegamento tra il lago di Cei (e quindi Trento) e la Val di Gresta. La strada arriva a misurare in certi punti non più di tre metri di larghezza, e da anni c'è chi chiede di allargarla per poter favorire il transito di turisti e proprietari di case di villeggiatura. Nei tratti incriminati il passaggio di due mezzi è impossibile e, nell'evenienza, gli automobilisti sono costretti a lunghe retromarce. A presentare la petizione sono stati la sindaca di Ronzo Chienis Piera Benedetti ed il vicesindaco di Isera Franco Nicolodi.

Per la Provincia ha parlato l'ingegner Raffaele De Col, spiegando che effettivamente dal Km 15 al Km 18 la carreggiata si restringe a 3-4 metri, mentre ne occorrerebbero tra 5,5 a 6,2. Il costo della miglioria sarebbe di 4 milioni di euro, purché non si accertino particolari problemi geologici nel punto più in salita e più delicato. Sicuramente sarebbe possibile procedere per interventi graduali, tenendo conto tra l'altro anche del fitto passaggio sportivo di ciclisti, con le loro specifiche esigenze.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • Krampus "violenti" a Vipiteno? E' una tradizione, ma la fake news fa il giro del web

  • Luci soffuse e radio spenta, così un barbiere di Rovereto taglia i capelli ai bimbi autistici

  • Incidente mortale sulla A22: furgone contro un camion

  • Lo spettacolo della 'galaverna' in Valsugana

Torna su
TrentoToday è in caricamento