Pedofilia, 10 arresti: in uno dei pc anche un dossier su Yara

Emergono ulteriori dettagli all'interno dell'inchiesta coordinata dalla Procura trentina: uno degli arrestati aveva sul computer 40 pagine sul caso di Brembate

Ci sarebbe anche un dossier di 40 pagine sul caso di Yara Gambirasio, la tredicenne uccisa a Brembate nel 2011, nel computer del 53enne arrestato dalla Polizia Postale su mandato della Procura di Trento insieme ad altre 9 persone con l'accusa di detenzione e diffusione di materiale pedopornografico. E' questo uno degli ultimi, inquietanti, dettagli trapelati dall'inchiesta "Black Shadow" (clicca qui) e riferito dall'Ansa.

Le indagini, coordinate dalla Procura trentina dopo il caso del 38enne altoatesino fermato nel 2016 con 4 Terabyte di foto e video pornografici con minorennni, ha portato all'arresto di 10 persone, mentre sono 48 gli indagati chiamati a rispondere delle pesanti accuse. Una vera e propria ret, chiaramente occulta, che utilizzava l'applicazione Voip per mantenere contatti e scambiarsi il materiale illegale. La polizia ha sequestrato, oltre ai file incriminati, anche una rubrica con decine di contatti. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Valdastico: Fugatti e Zaia a Roma, accordo per lo sbocco a Rovereto sud

  • Cronaca

    Vento forte: decine di interventi dei Vigili del Fuoco

  • Politica

    Convegno contestato, Fugatti: "Forzate due porte a vetri". Scatta la denuncia

  • Cronaca

    Importano auto di lusso senza pagare l'Iva, tra gli acquirenti anche 34 trentini

I più letti della settimana

  • Giornata Mondiale della Sindrome di Down: ecco cosa significano i "calzini spaiati"

  • Tragedia a Vezzano: muore investito dal suo camion

  • Vento forte in arrivo: il messaggio della Protezione Civile

  • A Trento quasi una famiglia su due è composta da una sola persona

  • Sbranò un bimbo, ora è stata rieducata e adottata: una seconda vita per Asia

  • Medico opera la moglie senza autorizzazione: condannato per falso

Torna su
TrentoToday è in caricamento