Muore a 19 anni dopo un malore in piscina

Pietro Passarella, roveretano, è morto a Mestre dopo un malore mentre si trovava in piscina

Pietro Passarella, foto: facebook

Un giovane roveretano, Pietro Passarella, di 19 anni,è morto all'ospedale dell'Angelo di Mestre dove era stato trasportato d'urgnza nel pomeriggio di domenica 14 aprile in seguito ad un principio di annegamento nella piscina di via Circonvallazione.

Pietro stava nuotando quando improvvisamente è scomparso sott'acqua. Il personale di servizio non lo ha visto risalire, i bagnini lo hanno riportato a galla ed hanno praticato le manovre per tentare di rinimarlo.

Leggi la notizia su Venezia Today, clicca qui...

Nel frattempo un'ambulanza del 118 ha raggiunto il centro natatorio, ha caricato il ragazzo, in condizioni molto gravi, e lo ha trasportato all'ospedale,dove è spirato il giorno successivo. 

Pietro frequentava, dallo scorso ottobre, il corso di laurea in Matematica all'Università di Padova, dopo aver studiato al Liceo Rosmini di Rovereto. Avrebbe compiuto vent'anni il mese prossimo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    E' Cristina Pavanelli, trentina, la donna morta sul Flixbus in Germania

  • Incidenti stradali

    Incidente a Cadine: traffico deviato da Sopramonte

  • Cronaca

    Guardia medica non si presenta al lavoro: denunciato per interruzione di servizio

  • Meteo

    Meteo: un'altra settimana tra pioggia e sole, le temperature tornano nella norma

I più letti della settimana

  • Incidente in A8: muoiono due trentini di 29 e 21 anni

  • Si sente male e cade a terra: giovane papà muore lasciando moglie e figlioletto

  • Ragazzo scomparso da casa, l'appello su facebook: "Aiutateci a ritrovarlo"

  • Forbes, 5 città italiane da visitare prima che lo facciano tutti: Trento c'è

  • E' Cristina Pavanelli, trentina, la donna morta sul Flixbus in Germania

  • La Provincia assume disoccupati per ripristinare i sentieri danneggiati dal maltempo

Torna su
TrentoToday è in caricamento