Precipita con il parapendio per cento metri

Ferite gravi, ma fortunatamente no letali per un ragazzo del '92 precipitato sopra Bolognano

Grave incidente con il parapendio nel weekend: il pilota era decollato dal Monte Stivo e stava sorvolando la parete di Pezol, sopra Bolognano, quando ha toccato con la vela le rocce, precipitando per oltre cento metri.

Un centinaio di metri di caduta, con la vela semi-aperta. E' quest'ultimo dettaglio che ha salvato la vita allo sportivo, trentino classe 1992. L'impatto con il suolo è stato violento ma non fatale.

Erano circa le 15 di sabato 16 ottobre: la chiamata è arrivata da un gruppo di arrampicatori che hanno assistito alla scena. Il coordinatore dell’Area Operativa Trentino meridionale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l’intervento dell’elicottero che ha individuato il ferito ed ha verricellato sul posto il Tecnico di Elisoccorso con l’equipe medica. Il ragazzo, cosciente, è stato stabilizzato, imbarellato e imbarcato a bordo per il trasporto all’ospedale Santa Chiara di Trento, dove è ricoverato, non in pericolo di vita.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croce Bianca di Trento piange Silvio Maestrelli: la triste scomparsa del ragazzo

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • La leggenda di Santa Lucia, "collega" di Babbo Natale

  • Krampus "violenti" a Vipiteno? E' una tradizione, ma la fake news fa il giro del web

  • Incidente mortale sulla A22: furgone contro un camion

Torna su
TrentoToday è in caricamento