Inquinamento dell'aria, aumenta la concentrazione di ozono

In Trentino, nel mese di maggio, è stato rilevato un moderato indice d'inquinamento dovuto ai primi episodi di smog fotochimico e al conseguente aumento delle concentrazioni di ozono nell'aria

In Trentino, nel mese di maggio, è stato rilevato un moderato indice d'inquinamento dovuto ai primi episodi di smog fotochimico e al conseguente aumento delle concentrazioni di ozono nell'aria. Lo evidenziano i dati raccolti dalla rete provinciale per il controllo della qualità dell'aria dell'Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente. Solo in una occasione, l'11 maggio, si è registrato il superamento della soglia di informazione nelle stazioni di Trento Parco S. Chiara e Piana Rotaliana. I valori registrati sono risultati peraltro solo di poco superiori alla soglia limite di 180 µg/m3. Per quanto riguarda le polveri sottili PM10 e il biossido di azoto, sono state rilevate concentrazioni contenute, al di sotto dei valori limite, in tutte le stazioni di misura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nei boschi di Pinè: cacciatore spara agli amici

  • Trento, accoltellato dalla fidanzata: ragazzo soccorso per strada e trasportato in ospedale

  • Le migliori osterie del Trentino secondo Slow Food

  • Camion bloccato dalla neve: arrivano i Vigili del Fuoco con l'autogru

  • Guida Michelin 2020: ecco i ristoranti "stellati" in Trentino

  • Pioggia e neve: allerta meteo della Protezione Civile per le prossime 48 ore

Torna su
TrentoToday è in caricamento