Droga, altri tre "ovulatori" sul pullman Crotone-Monaco fermati a Trento

La Guardia di Finanza: "La pratica, rischiosissima, è in aumento e dipende dalla tragica reperibilità di persone in difficoltà disposte a tutto"

La sostanza sequestrata nelle due operazioni

Ancora corrieri della droga sui pullman di lunga percorrenza tra Italia e Germania: un altro sequestro compiuto dagli uomini della Guardia di Finanza di Trento che nella giornata di martedì 14 gennaio hanno arrestato tre cittadini nigeriani.

I tre, come avvenuto nel caso delle due connazionali arrestate poco tempo fa, trasportavano la droga nello stomaco, all'interno di ovuli termosaldati, precedentemente ingeriti. La storia si ripete: i cosiddetti "ovulatori" sono corrieri utilizzati per trasportare la sostanza sulle lunghe distanze.La pratica è naturalmente rischiosissima, e può avere conseguenze letali.

Le Fiamme Gialle trentine hanno fermato controllato il pullman, partito da Crotone e diretto a Monaco, mentre effettuava una sosta a Trento. Grazie all'ausilio dei cani antidroga hanno isolato due borse sospette, riconducibili a tre ragazzi nigeriani. All'interno, anche questa volta, finte lattine di conserva di pomodoro, piene di cocaina ed eroina. Si tratta di grandi lattine identiche a quelle ritrovate nelle borse delle due ragazze nigeriane arrestate nel dicembre scorso. E' facile ipotizzare unno "spedizioniere" comune. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche in questo caso oltre alla sostanza nelle borse i tre corrieri trasportavano decine di ovuli nello stomaco, dal peso di 40/50 grammi l'uno. I tre cittadini nigeriani, con età comprese tra i 26 ed i 30 anni, sono in Italia con regolare permesso di soggiorno residenti a Napoli, Palermo e Lecco. "L’aumento di tale modalità di occultamento che si sta registrando - spiega la Guardia di Finanza - dipende sicuramente dal bassissimo costo “logistico” del trasporto, cui si aggiunge la tragica facilità di reperimento di persone in difficoltà disposte a fare il semplice corriere o di assumersi il rischio di fungere da ovulatore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso si avvicina all'escursionista e lo segue: l'incontro è avvenuto in Val di Non

  • Dramma in montagna: ricercatore dell'Università di Trento cade in un crepaccio

  • Allerta meteo in Trentino: in arrivo nubifragi e grandine

  • Cade con la carrozzina nel torrente e muore

  • Cade nel fiume: ripescato vivo un chilometro e mezzo a valle, è grave

  • Trentino, visite specialistiche gratuite per le donne: come effettuarle

Torna su
TrentoToday è in caricamento