Orso M49: nessuna traccia. L'accusa di Ianes (Verdi): "Non è che si voleva liberarlo per poi ucciderlo?"

Nessuna traccia dell'orso M49, catturato e poi fuggito dai recinti elettrificati del Casteller. Nel frattempo la notizia è diventata un caso nazionale

Nessuna traccia, a 24 ore dalla "fuga impossibile" dal centro faunistico del Casteller, dell'orso M49. L'esemplare è stato catturato in Val Rendena nella notte tra domenica 14 e lunedì 15 luglio, per poi scappare all'alba oltrepassando tre recinti elettrificati a 7000 volt, l'ultimo alto 4 metri. 

AGGIORNAMENTO: l'orso è in Maranza

Il caso, già ieri, è diventato nazionale. Il ministro Costa ha scritto di voler diffidare la Provincia autonoma di Trento, tacciandola di "inefficienza", ed ha inviato sul posto i tecnici dell'Ispra per fare chiarezza. Nel frattempo, stando a quanto ha riferito ieri il governatore Fugatti, la Forestale provinciale con unità cinofile si è messa sulle tracce dell'orso fuggiasco.

La zona delle ricerche, che finora non hanno dato alcun esito, è quella dell'Altopiano della Vigolana, altamente antropizzato e non distante dalla città di Trento. Si tratta però solo di un'ipotesi, dato che all'orso è stato tolto il radiocollare che ne garantiva la tracciabilità in tempo reale grazie al segnale GPS. Tra i residenti della zona si è diffuso un comprensibile timore.

"Una delle storielle della Lega"

C'è poi chi grida al complotto, ovvero alla possibilità che l'intera vicenda possa essere stata studiata e messa in pratica, a vari livelli, dalla Giunta. Tra questi anche autorevoli esponenti della politica provinciale come il capogruppo del Movimento Cinque Stelle Filippo Degasperi, che velatamente dedica un post "a tutti quelli abituati a bersi le storielle della Lega".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marco Ianes, consigliere comunale a Trento con i Verdi, va ben oltre. "La fuga, così come raccontata, è impossibile" ed avanza una serie di ipotesi: "Non è che si voleva proprio liberarlo in zona altamente antropizzata, al solo fine di potergli poi sparare e ucciderlo, proprio per salvare tutti dall’orso cattivo?  Non è che, invece, lo hanno già ucciso e stanno preparando il terreno per veicolare la notizia? Intanto M49 starà ridendo di noi o sarà passato già a miglior vita?". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Limiti di velocità solo per le moto sulle strade di montagna

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento