Orso, Rossi in consiglio: "Agiremo in autonomia secondo le norme, come la scorsa volta"

Consiglio provinciale dedicato all'aggressione di ieri sera a Cadine, nel Comune di Trento, ai danni di un 45enne del posto. Rossi: "Ci assumeremo le nostre responsabilità anche quest'anno, le norme sono le stesse"

"Un episodio indubitabilmente più grave di quelli passati, un fenomeno che va inquadrato secondo l’idea che la sicurezza e la vita delle persone viene prima della conservazione della natura" queste le parole pronunciate in tarda mattinata dal presidente della Provincia Ugo Rossi nella seduta straordinaria del consiglio provinciale richiesta dal consigliere Nerio Giovanazzi dopo la grave aggressione da parte di un'orso avvenuta ieri nei pressi di Cadine ai danni di un uomo che stava camminando nei boschi.

Non è ancora chiaro quali saranno le mosse della Provincia ora: il presidente Rossi ha dichiarato che saranno orientate allo stesso pricipio adottato un anno fa nel caso Daniza. "Nel momento in cui un orso attacca con contatto fisico - ha spiegato il presidente - senza esser provocato i provvedimenti adottabili sono tre: cattura con rilascio con radiocollare; cattura per captivazione permanente; abbattimento, nel caso di pericolo per gli operatori. Questa la responsabilità che ci siamo assunti l’anno scorso e che ci assumiamo anche quest’anno e per fare questo è necessario riconoscere l’esemplare responsabile dell’aggressione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima cosa quindi intercettare l'orso, che evidentemente non è tra gli esemplari muniti di radiocollare: a tal proposito la forestale sta svolgendo ricerche nella zona dell'aggressione, fin da ieri sera. Il ministro Galletti è stato informato del fatto. Nel caso Daniza ci fu un braccio di ferro tra Ministero e Provincia che questa volta si tenterà di evitare, sebbene le regole non siano cambiate. "Mi prenderò la responsabilità di adottare procedure in via del tutto autonoma - ha concluso Rossi, che quando scoppiò il caso nel Ferragosto scorso era in vacanza e lasciò tutto nelle mani dell'assessore Dallapiccola - i rischi ce li assumeremo anche quest'anno". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento