Giacomo, un trentino a Parigi, dopo le fiamme a Notre Dame: "Ho capito di essere parigino"

Trentino, da quattro anni nella capitale francese come ricercatore. Dopo le fiamme ha scritto: "Oggi sento di essere diventato parigino"

foto di Giacomo Gilmozzi

Un trentino a Parigi, impotente come i parigini, di fronte al fuoco che brucia uno dei monumenti storici più famosi al mondo, cuore della città. Giacomo Gilmozzi, nella capitale francese come ricercatore di filosofia politica all'Institut de Recherche et d'Innovation du Centre Pompidou, affida a facebook le sue riflessioni. Anche in Trentino le foto della cattedrale divorata dalle fiamme hanno fatto il giro del web. Lui era lì, è lì anche l'indomani, sarà lì il giorno dopo e quello dopo ancora. In una città che sembra essere quasi sbilanciata, dopo aver subìto un danno fisico e morale al suo baricentro. Ora al centro della città c'è un vuoto, da ricostruire.

"Oggi a Parigi ci si spia negli occhi, e con compassione reciproca diciamo silenziosamente "Lo so. Ma non ci credo ancora". Il cuore geografico e urbanistico della città ieri era in fiamme, e molti in lacrime. Impotenti di fronte a uno spettacolo così assurdo ci si limitava a commentare a bassissima voce con profonda tristezza - scrive Giacomo -  Stamattina le battute e le risate ci sembravano ingiuste, come il giorno dopo Charlie Hebdo, come il giorno dopo del Bataclan. E' il dramma di vivere i rendez-vous più assurdi tra Parigi e la sua storia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giacomo a Trento è nato e cresciuto, ci torna quando può. E' a parigi da quattro anni e mezzo ma solo un evento di questa portata gli fa dire: "Ieri ho finalmente capito di essere un parigino. Adottato, certo. Notre Dame era (e speriamo sarà di nuovo) molto di più di un tempio religioso, di un simbolo cattolico o francese. Era il simbolo della Storia e quindi della Cultura, citata sempre meno nei discorsi pubblici e di cui tanto avremmo bisogno per far fronte alla possibile minaccia fascio-populista. Notre Dame era, e tornerà ad essere un giorno, il cuore di Parigi, e quindi dei suoi abitanti, di qualsiasi religione e nazionalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento