Renzi in Alto Adige: annunciata la protesta dei movimenti No Tav

Si parlerà sicuramente anche del Tunnel del Brennero al convegno internazionale di Castel Presule dove è atteso Matteo Renzi. "La sua presenza serve solo a rassicurare sui fondi per il tunnel - si legge in un post su facebook - un'opera che non risolverà ilproblema del traffico ed avrà ricadute irreversibili sull'ambiente e sulle persone"

Proteste in vista per la presenza del premier Matteo Renzi al convegno internazionale di Fiè allo Scillar (BZ) dove il presidente del consiglio incontrerà il cancelliere austriaco. Ad annunciare un presidio ai cancelli del castello di Presule, location de convegno, sono i movimenti No Tav trentini e altoatesini: "Lo scopo della presenza di Renzi è rassicurare politici e industriali sui fondi per il tunnel- si legge in un post su facebook - arroccati a Castel Presule, da secoli simbolo del potere, Renzi e soci ci presenteranno come benefica un'opera che non risolve il gravissimo problema del traffico sull'autostrada del Brennero e che provocherebbe danni irreversibili alle acque, ai terreni e agli abitanti di tutta la regione". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento