Ritrovato sul Doss Trento il corpo senza vita di Nicola Demattè

Il ragazzo, 19 anni residente in Cristo Re, era scomparso da casa venerdì scorso. Le ricerche si sono concluse nel peggiore dei modi oggi, la Polizia indaga sulle cause del decesso

Si sono concluse nel  peggiore dei modi le  ricerche di Nicola Demattè, 19 anni, residente a Trento nel quartiere di Cristo Re. Il corpo senza vita è stato trovato nel tardo pomeriggio di oggi, sabato 3 febbraio, sul Doss Trento, la bassa montagna di roccia che sovrasta la città.  Secondo le prime informazioni la causa del decesso sarebbero le lesioni al capo, conseguenza di una caduta. A dare l'allarme alcuni escursionisti che, passando sul sentiero che conduce al parco pubblico in cima alla collina, hanno notato il corpo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poche ore dopo la tragica conferma: si tratta del giovane scomparso da casa venerdì scorso, cercato invano per tanti giorni dalle forze dell'ordine e dai volontari del Soccorso Alpino, oltre che dai familiari che sui social network hanno più volte lanciato appelli condivisi migliaia di volte, non solo in Trentino. Del caso si è occupata anche la trasmissione della Rai "Chi l'ha visto?", oltre ai quotidiani nazionali. Nicola stato ritrovato senza vita non lontano da casa: abitava infatti nel quartiere di Cristo Re, lungo il fiume Adige, dove è stato visto l'ultima volta. Ora non resta che fare luce sulle circostanze del decesso, compito al quale provvedranno  le Forze dell'Ordine. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento