Neonato trovato morto nei campi: la madre è libera, in attesa di processo

Ha terminato un percorso di affiancamento psicologico la madre del bimbo trovato morto tra i campi di mele, ora dovrà rispondere davanti al giudice della sua condotta

E' libera, in attesa del processo, la giovane donna accusata di omicidio volontario del proprio figlio, appena nato. Il piccolo fu ritrovato senza vita tra i cespugli nelle campagne sopra Lana, in Val Venosta. La madre fu rapidamente identificata tra le braccianti in forze nei campi vicini, ed arrestata. Dopo aver seguito un percorso di assistenza psicologica è tornata in libertà, ma si attendono le decisioni della Procura di Bolzano, che darà il via al processo.

L'accusa è di omicidio, ma c'è anche una seconda ipotesi, un reato che prevede una pena minore, quello di abbandono dopo il parto. Un'ipotesi he pare però poco plausibile dal momento che il medico legale aveva accertato che la causa del decesso era stata il soffocamento, indotto con uno straccio avvolto attorno al viso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

  • "Addio Betta, un esempio per tutti noi": soccorritrice stroncata dalla malattia

Torna su
TrentoToday è in caricamento