Nanga Parbat: Simone Moro potrebbe recuperare i corpi di Nardi e Ballard

Secondo l'alpinista bergamasco una spedizione sarebbe fattibile. Sempre più accreditata l'ipotesi di un incidente, sullo sperone che nessuno ha mai scalato

Simone Moro potrebbe organizzare una spedizione per recuperare i corpi di Tom Ballard e Daniele Nardi sul nanga Parbat. In un'intervista pubblicata sul Corriere del Trentino l'alpinista bergamasco spiega che l'idea potrebbe concretizzarsi a breve. 

Moro spiega di essersi messo in contatto con l'alpinista basco Alex Txikon, che ha guidato e ricerche dei due dispersi sulla montagna pakistana, riceche che purtroppo si sono concluse con l'avvistamento, dall'elicottero, delle due salme in un punto particolarmente impervio.

Nell'intervista Moro prende anche posizione, come già fatto dal Re degli Ottomila Reinhold Messner, sull'intera vicenda. "Una salita oltremodo pericolosa, ma non ho mai parlato di "suicidio" - spiega al cronista - è vero che in 125 anni nessuno ha mai scalato lo sperone Mummery, ma questo non avrebbe cambiato la storia del Nanga Parbat". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    "Salvini togli anche questi": a Trento arriva la 'protesta dei lenzuoli bianchi'

  • Incidenti stradali

    Incidente mortale, esce di strada e finisce in un burrone: morto 38enne

  • Politica

    Insulti razzisti e sessisti sui social: il capo di gabinetto dell'assessore provinciale hater su Twitter

  • Cronaca

    Morta sul Flixbus in Germania: chi era la trentina Cristina Pavanelli

I più letti della settimana

  • Incidente in A8: muoiono due trentini di 29 e 21 anni

  • Si sente male e cade a terra: giovane papà muore lasciando moglie e figlioletto

  • Ragazzo scomparso da casa, l'appello su facebook: "Aiutateci a ritrovarlo"

  • E' Cristina Pavanelli, trentina, la donna morta sul Flixbus in Germania

  • Incidente mortale, esce di strada e finisce in un burrone: morto 38enne

  • Forbes, 5 città italiane da visitare prima che lo facciano tutti: Trento c'è

Torna su
TrentoToday è in caricamento