Museo degli Alpini: lavori in deroga al PRG, la Provincia dà il nulla osta

Sbloccato il progetto di ampliamento e riqualificazione, in contrasto con alcune norme del Piano Regolatore provinciale

Passo decisivo per i  lavori di ampliamento e riqualificazione del Museo Nazionale Storico degli Alpini sul Doss Trento.  Accogliendo la richiesta avanzata dall'Associazione Nazionale Alpini, che ha presentato domanda di deroga urbanistica al Comune di Trento, e con un provvedimento proposto dall’assessore all’urbanistica ed enti locali, la Giunta provinciale ha concesso il nulla osta a procedere, in deroga alle norme d’attuazione del Piano Regolatore Generale.

I lavori previsti dal progetto, spiega una nota, sono infatti in contrasto con le norme di attuazione del PRG relativamente alla destinazione di zona, ma lo stesso Piano Regolatore Generale consente il rilascio di permessi di costruire in deroga, per l’esecuzione di opere pubbliche o di rilevante interesse pubblico.


Il museo costruito nel 1958 sui resti di una vecchia polveriera austriaca è stato ampliato con due aggiunte nel 1963 e nel 1994. Il nuovo intervento si rende necessario in quanto la sede museale non risulta più sufficiente ad accogliere i reperti sulla storia del corpo degli alpini che sono stati raccolti nel tempo.

Il progetto mantiene inalterato nucleo storico dell'edificio ed elimina le aggiunte che si erano succedute nel tempo. Si revede la realizzazione di nuovi volumi perimetrali mantenendo un camminamento a cielo aperto tra il sacrario e le nuove superfici destinate a sale espositive e spazi di servizio al museo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

Torna su
TrentoToday è in caricamento