Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

I gestori erano già stati "ammoniti" ma la situazione è andata avanti

Foto di repertorio

Troppe persone e troppe infrazioni alle norme della "fase 2": un locale di Arco è stato multato ed il Commissariato del Governo potrà decidere di chiudero. E' questa la situazione che è venuta a crearsi in uno dei luoghi di ritrovo della vita serale arcense, già oggetto di controlli nei giorni precedenti.

Movida e coronavirus: spot shock in Veneto

I gestori del locale erano infatti già stati "ammoniti", ma la situazione di affollamento è andata avanti ed i vigili hanno deciso di intervenire con contorolli mirati. I gestori hanno ricevuto tre sanzioni da 400 euro l'una per infrazione alle norme anti-Covid. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Laddove la situazione supera il limite intervengono le sanzioni - si legge in una nota della Polizia Locale dell'Alto Garda -. I gestori non hanno seguito le regole imposte sia per se stessi che per la gestione della clientela. I verbali sono stati trasmessi al Commissariato del Governo di Trento che deciderà per un eventuale chiusura temporanea dell'esercizio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso si avvicina all'escursionista e lo segue: l'incontro è avvenuto in Val di Non

  • Dramma in montagna: ricercatore dell'Università di Trento cade in un crepaccio

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Viveva in Trentino e aveva circa 20 anni il ragazzo trovato morto su un treno

  • Allerta meteo in Trentino: in arrivo nubifragi e grandine

  • Trovato il corpo senza vita di un giovane sopra al treno proviente da Trento

Torna su
TrentoToday è in caricamento