Val di Fassa, sequestrate le motoseghe "pericolose" vendute porta a porta

"Di dubbia provenienza e di scarsa affidabilità, vendute sottocosto con la promessa di un buon affare"n spiegano gli agenti della Polizia Locale della Val di Fassa, che hanno sequestrato la merce e multato il venditore

Motoseghe con marchi falsi, di pessima qualità. Pezzi "di dubbia provenienza, imitazioni di fabbricazione cinese di  pessima fattura e scarsa affidabilità" secondo gli agent della Polizia Locale della Val di Fassa, particolare non di poco conto quando si parla di attrezzatura da maneggiare con cura. Gli agenti hanno multato il venditore che le proponeva, andando di porta in porta, nei paesi della valle. Sanzione da 3.000 euro per  commercio abusivo, e sequestro del materiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento