Chiedono in prestito la moto e rubano i pezzi, denunciati

Un 34enne trentino ed un 60enne veneto hanno restituito al proprietario la moto senza alcuni pezzi

E' stato denunciato a piede libero un 34enne di Caldonazzo, capo cantiere edile, per appropriazione indebita. Insieme ad un operaio veneto sessantenne avrebbe rubato, tecnicamente sottratto, parti di una moto d'epoca ad un imprenditore di Oderzo. 

I due avevano chiesto in prestito all'imprenditore la moto, una corss marca Mayco, per una corsa sportiva  con veicoli d'epoca. Dopo la gara avevano restituito il  motociclo, ma ben presto il proprietario s'è accorto che mancavano parti meccaniche ed addirittura pezzi della carrozzeria. 

Si è rivolto dunque ai carabinieri di Fontanafredda, i quali hanno contattato i colleghi di Roveredo in Piano, dove si trova il garage adibito ad officina dell'operaio 60enne. Qui hanno trovato il serbatoio, le ruote, le forcelle e gli ammortizzatori della moto in questione. L'uomo è stato denunciato, e con lui, in qualità di compplice, il 34enne trentino. 

Potrebbe interessarti

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Parabrezza in frantumi: colpa di una pigna

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Sub tenta di battere il record nel Garda ma muore durante l'immersione

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Escherichia coli nell'acquedotto: in 90 con sintomi gastrointestinali. Il sindaco: "Bollite l'acqua"

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • Si schiantano e rimangono incastrati sotto lo scooter: arrivano i Vigili del Fuoco con le pinze idrauliche

Torna su
TrentoToday è in caricamento