Chiedono in prestito la moto e rubano i pezzi, denunciati

Un 34enne trentino ed un 60enne veneto hanno restituito al proprietario la moto senza alcuni pezzi

E' stato denunciato a piede libero un 34enne di Caldonazzo, capo cantiere edile, per appropriazione indebita. Insieme ad un operaio veneto sessantenne avrebbe rubato, tecnicamente sottratto, parti di una moto d'epoca ad un imprenditore di Oderzo. 

I due avevano chiesto in prestito all'imprenditore la moto, una corss marca Mayco, per una corsa sportiva  con veicoli d'epoca. Dopo la gara avevano restituito il  motociclo, ma ben presto il proprietario s'è accorto che mancavano parti meccaniche ed addirittura pezzi della carrozzeria. 

Si è rivolto dunque ai carabinieri di Fontanafredda, i quali hanno contattato i colleghi di Roveredo in Piano, dove si trova il garage adibito ad officina dell'operaio 60enne. Qui hanno trovato il serbatoio, le ruote, le forcelle e gli ammortizzatori della moto in questione. L'uomo è stato denunciato, e con lui, in qualità di compplice, il 34enne trentino. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune mette all'asta le biciclette abbandonate

  • Città più pericolose d'Italia: Trento è al 64° posto

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Tornano le domeniche gratis nei musei e nei castelli

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

Torna su
TrentoToday è in caricamento