Ciclista scivola sul sentiero e precipita per 150 metri, il corpo ritrovato nel lago d'Idro

Disperso da mercoledì, si sono interrotte ieri le ricerche del ciclista bresciano, scivolato dal sentiero dei contrabbandieri

E' stato trovato dai sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Trento nel lago d'Idro il corpo del ciclista bresciano scomparso da mercoledì scorso. Lo hanno cercato per ore, mantenendo accesa la speranza, ma le ricerche si sono concluse, purtroppo, ieri. Graziano Roversi, 43enne bresciano,  cicloamatore, è morto dopo un volo di 150 metri dal sentiero che corre tra Baitoni e Vesta di Idro. Una strada nota come il sentiero dei contrabbandieri, vietata al transito delle biciclette. Roversi avrebbe quindi sfidato il  ivieto percorrendola finchè qualcosa è andato storto, un errore, una disattenzione, e poi il volo in un canalone roccioso. Il corpo è stato ritrovato nel lago sottostante, a 50 metri di profondità. Leggi la notizia su BresciaToday.it, clicca qui...

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Poliziotto trascinato da una moto in fuga sulla statale per 500 metri: in prognosi riservata

  • Fuga di Gpl sulla Valsugana: bloccata anche la ferrovia Trento-Bassano

Torna su
TrentoToday è in caricamento