Ciclista scivola sul sentiero e precipita per 150 metri, il corpo ritrovato nel lago d'Idro

Disperso da mercoledì, si sono interrotte ieri le ricerche del ciclista bresciano, scivolato dal sentiero dei contrabbandieri

E' stato trovato dai sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Trento nel lago d'Idro il corpo del ciclista bresciano scomparso da mercoledì scorso. Lo hanno cercato per ore, mantenendo accesa la speranza, ma le ricerche si sono concluse, purtroppo, ieri. Graziano Roversi, 43enne bresciano,  cicloamatore, è morto dopo un volo di 150 metri dal sentiero che corre tra Baitoni e Vesta di Idro. Una strada nota come il sentiero dei contrabbandieri, vietata al transito delle biciclette. Roversi avrebbe quindi sfidato il  ivieto percorrendola finchè qualcosa è andato storto, un errore, una disattenzione, e poi il volo in un canalone roccioso. Il corpo è stato ritrovato nel lago sottostante, a 50 metri di profondità. Leggi la notizia su BresciaToday.it, clicca qui...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento