Morì dopo un malore in fabbrica, Marangoni rinviata a giudizio

A due anni di distanza dalla disgrazia il Tribunale ha deciso il rinvio a giudizio per omocidio colposo, l'ipotesi è che ad uccidere l'operaio sia stato il calore eccessivo nel luogo di lavoro

Rinvio a giudizio per gli imputati del caso Marangoni. L'accusa è di omicidio colposo per la morte di Carmine Minichino, l'operaio colto da un malore in fabbrica il 22 luglio ddel 2015 e deceduto in ospedale. Oltre ai titolari dell'azienda sono imputati nel processo anche il responsabile della sicurezza ed un medico del lavoro. L'ipotesi è che ad uccidere Minichino sia stato il caldo all'interno del luogo di lavoro, che d'estate può raggiungere temperature elevate. Il sindacato Cobas si è costituito parte civile nel processo. L'azienda ha offerto un risarcimento alla famiglia di 150.000 euro. La prossima udienza è fissata per il 23 gennaio. 

Potrebbe interessarti

  • Rovereto, scoperte due specie arboree ignote alla scienza

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Rientro dal Ferragosto: A22 da "bollino nero"

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Coppia di 40enni trentini nuda in un campo per fare sesso: multata

  • Incidenti, pauroso schianto moto-camper: motociclista portato via in elicottero

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Cosa fare a Trento nel week-end: musica dal vivo, feste e castelli aperti

  • Cosa fare Ferragosto: cultura, musica e buona cucina

  • Tragedia in alta quota, sbatte contro la parete e precipita: morta base jumper di 30 anni

Torna su
TrentoToday è in caricamento