Morì dopo un malore in fabbrica, Marangoni rinviata a giudizio

A due anni di distanza dalla disgrazia il Tribunale ha deciso il rinvio a giudizio per omocidio colposo, l'ipotesi è che ad uccidere l'operaio sia stato il calore eccessivo nel luogo di lavoro

Rinvio a giudizio per gli imputati del caso Marangoni. L'accusa è di omicidio colposo per la morte di Carmine Minichino, l'operaio colto da un malore in fabbrica il 22 luglio ddel 2015 e deceduto in ospedale. Oltre ai titolari dell'azienda sono imputati nel processo anche il responsabile della sicurezza ed un medico del lavoro. L'ipotesi è che ad uccidere Minichino sia stato il caldo all'interno del luogo di lavoro, che d'estate può raggiungere temperature elevate. Il sindacato Cobas si è costituito parte civile nel processo. L'azienda ha offerto un risarcimento alla famiglia di 150.000 euro. La prossima udienza è fissata per il 23 gennaio. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Salvini a Pinzolo: "Reintrodurre la leva militare"

  • Cronaca

    Dispersi nella neve al Refavaie, salvati dal Soccorso Alpino

  • Green

    Api in pericolo a Trento sud. La replica della Fondazione Mach: "Tutto regolare"

  • Cronaca

    La tuta alare non si apre, muore base jumper

I più letti della settimana

  • Orrore in un capannone di Scurelle: smontavano le bare prima di cremare i corpi

  • Ecco il rarissimo gatto dorato, fotografato dai ricercatori del Muse in Tanzania

  • Bare e cadaveri abbandonati in un capannone in Valsugana: indagano i carabinieri

  • A22: maxitamponamento, 17 feriti ed autostrada bloccata

  • La tuta alare non si apre, muore base jumper

  • Due incidenti nella notte a Riva del Garda: feriti tre ventenni

Torna su
TrentoToday è in caricamento