Michela Ramponi morta durante tempesta Vaia: quattro indagati

La donna venne travolta dal fango mentre si trovava nella sua casa di Dimaro

Michela Ramponi morta nella tempesta Vaia

Quattro persone sono indagate dalla procura di Trento per la morte di Michela Ramponi, la 45enne che venne travolta dal fango e da detriti mentre si trovava nella sua casa di Dimaro, valle di Sole, durante la tempesta Vaia, lo scorso 29 ottobre.

Gli indagati sono il sindaco di Dimaro, Andrea Lazzaroni, il dirigente provinciale del Servizio bacini montani, Roberto Coali, l'ex capo della Protezione civile trentina, Stefano Devigil, e l'ingegnere Silvia Franceschi. Le ipotesi di reato sono omicidio colposo e distastro colposo. Ai quattro indagati, che respingono ogni addebito, è stata notificata la richiesta di incidente probatorio.

La Provincia autonoma di Trento in una nota ha detto di riporre "fiducia nell'operato della magistratura", confermando però al contempo la propria stima "nei confronti dei dirigenti coinvolti dall'indagine", nella consapevolezza di essere davanti a un settore, "quello della gestione delle emergenze, codificato da procedure che vengono seguite con un’attenzione e responsabilità che si traducono in standard ampiamente superiori alla media".
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento