Accendono la stufa e vanno a dormire: famiglia di turisti intossicata dal monossido

Papà, mamma e due figli curati in camera iperbarica. E' successo a Roncone in una casa di villeggiatura

L'intervento dei Vigili del Fuoco di Roncone

Famiglia di villeggianti intossicata a Roncone. I quattro, mamma, papà e due figli, tutti bresciani, hanno acceso la stufa a legna all'interno di una casa di villeggiatura e sono andati a dormire. Ieri mattina, domenica 27 maggio, si sono risvegliati con evidenti sintomi di intossicazione. I Vigili del Fuoco di trento insieme a quelli di Roncone e di Pieve di Bono sono intervenuti con autorespiratori e esplosimentro. Individuata la causa della presenza di monossido sono scattate le operazioni per bonificare l'appartamento con ventole ed aspiratori. I quattro turisti, ora fuori pericolo, Sono stati soccorsi e trasportati alla camera iperbarica dell'Ospedale di Bolzano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Coronavirus: chiuse scuole, asili e Università

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

Torna su
TrentoToday è in caricamento