Costretto a cambiare casa quattro volte per le molestie della ex

E'successo ad un uomo trentino che ha denunciato la sua ex compagna: dopo la fine della relazione lei gli ha inviato sms martellanti, fax di offesa e strani regali. Ora la donna è stata condannata

La fine di una relazione nel maggio del 2011 ha cambiato - in peggio - la vita di un dipendente provinciale. Ieri il tribunale ha condannato la ex per molestie: la donna dovrà inoltre pagare 5mila euro di provvisionale al suo ex fidanzato e alla sua nuova partner, presa anche lei di mira dopo la fine della relazione. Ma la donna dovrà anche rispondere di sostituzione di persona (per alcune situazioni in cui si sarebbe finta un'altra persone su Facebook al solo scopo di dileggiare l'ex compagno) di stalking e diffamazione, a causa dell'atteggiamento che avrebbe tenuto nei confronti dell'ex compagno quando questi aveva deciso di interrompere il rapporto. Da lì era iniziato una specie di incubo in cui l'uomo veniva quotidianamente tartassato dalla ex, che non riusciva a farsi una ragione della fine della relazione. Oltre a continui sms inviati con il cellulare (centinaia, pare anche 25 al giorno), la donna inviava all'uomo anche strani pacchi regalo e fax infamanti sul luogo di lavoro. A confermare la situazione decisamete complicata anche il fatto che l'uomo e la sua nuova compagna aveva dovuto cambiare casa per quattro volte, pur di tentare di interrompere le attenzioni troppo spinte della donna a cui l'uomo e la sua nuova compagna hanno chietso un risarcimento di 100mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento