Disoccupato col vizio del bere prende a calci e pugni la figlia minorenne

Purtroppo l’uomo non è nuovo a simili episodi; infatti già nel 2011 era stato denunciato e successivamente condannato dal Tribunale di Trento a mesi 5 di reclusione per lo stesso motivo

La polizia ha arrestato un cittadino ucraino, residente a Trento, per maltrattamenti nei confronti della figlia minorenne. L’uomo, verso mezzogiorno di ieri, a seguito di una discussione con la figlia, l'ha colpita con pugni e calci tanto da provocarle lesioni giudicate guaribili in giorni 15. La giovane è risucita a fuggire dall’appartamento dei genitori, rifugiandosi in un ufficio attiguo e chiedendo aiuto. Intervenuti sul posto, gli agenti di polizia, dopo aver prestato soccorso alla giovane, hanno rintracciato l'uomo nel suo appartamento e lo hanno arrestato. Purtroppo l’uomo non è nuovo a simili episodi; infatti già nel 2011 era stato denunciato e successivamente condannato dal Tribunale di Trento a mesi 5 di reclusione per lo stesso motivo. Alla base dell’episodio vi è un profondo disagio dovuto alla mancanza di un lavoro stabile ed all’abuso di alcol. L’uomo è stato ristretto presso la Casa Circondariale di Trento.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Campiglio, drammatico incidente sugli sci: gravissima una ragazza di 25 anni

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Malore collettivo per altri due gruppi di studenti nell'hotel di Folgarida

Torna su
TrentoToday è in caricamento