Moena, stato di calamità per consentire il risarcimento dei danni ai privati

La centralina di Moena, attiva dal 1990, non ha mai registrato il livello di 130 millimetri di pioggia (caduti in sole due ore sul paese lo scorso 3 luglio): iI massimo giornaliero sulle 24 ore, risalente ai primi del 2000, fu di 60 millimetri di pioggia

Moena torna piano piano alla normalità dopo i danni degli scorsi giorni dovuti al maltempo. Oggi la Giunta provinciale ha approvato lo stato di calamità che consentirà il risarcimento ai privati dei danni e la viabilità sarà ripristinata. La dichiarazione serve per dare continuità agli interventi necessari per la ripresa delle normali condizioni di vita e per autorizzare la concessione di contributi e indennizzi ai danneggiati. La decisione della Giunta si basa sulla relazione tecnica redatta dal Dirigente generale del Dipartimento protezione civile valutate la situazione e le informazioni disponibili. 

La circonvallazione sarà aperta nei due sensi a partire da sabato, così come la statale 346 per il passo San Pellegrino (senso unico alternato solo se le condizioni meteo lo consentiranno). Saranno anche risolti i collegamenti in fibra e rame con Moena e il passo San Pellegrino e saranno concluse le operazioni di pulizia di garage, cantine e locali interrati nel centro del paese: le squadre dei vigili del fuoco hanno incominciato il censimento dei danni. A Moena l’autobotte dei vigili del fuoco, con acqua potabile, ha servito una parte dei residenti, considerato che l’acquedotto è oggetto di analisi preventiva circa la potabilità dell’acqua. Ieri mattina, tre vigili del fuoco - impegnati in un intervento con una pala meccanica in un seminterrato - sono stati visitati all’ospedale di Cavalese per verificare l’ipotesi di un’intossicazione di monossido di carbonio. Gli esami medici hanno escluso alcun pericolo e sono stati dimessi.

Meteo

La centralina di Moena, attiva dal 1990, non ha mai registrato il livello di 130 millimetri di pioggia (caduti in sole due ore sul paese lo scorso 3 luglio): iI massimo giornaliero sulle 24 ore, risalente ai primi del 2000, fu di 60 millimetri di pioggia.

Censimento dei danni

Giovedì è iniziato il censimento dei danni con la raccolta puntuale delle informazioni presso abitazioni ed alberghi, oltre che esercizi commerciali da parte di tecnici del Servizio Prevenzione rischi, Servizio Geologico, Dipartimento Protezione civile e Dipartimento Infrastrutture e mobilità. I pendii montani sono ancora saturi di acqua e quindi il terreno fatica a smaltire la pioggia: le squadre della Protezione civile e del Corpo Forestale continuano a presidiare il territorio, in particolare con escavatori e camion, così da intervenire in caso di accumuli estemporanei di materiali nei punti più critici. In questi due giorni sono stati ripulite tutte le briglie di filtraggio posizionate lungo i torrenti della zona dell’Alta val di Fassa.

Strade

La statale 48 e la circonvallazione di Moena saranno aperte in entrambi i sensi di marci per il fine settimana così da garantire l’arrivo e le partenze di turisti da e per la val di Fassa. Da lunedì, qualora si dovesse ritenere necessario, è possibile il ripristino del senso unico. Oggi dovrebbe riaprire anche la statale 346 del passo di San Pellegrino dove la Protezione civile ed il Servizio Gestione strade hanno ultimato i lavori di pulitura del manto stradale. Il condizionale è d’obbligo in quanto le piogge potrebbero consigliare la temporanea chiusura per ragioni di sicurezza, dovuta alla stabilità dei versanti più ripidi. Sono garantite le linee di trasporto pubblico da Penia e Cavalese che sono confermate per i prossimi giorni. Qualche ritardo è stato registrato a causa dei lavori sulla viabilità principale. 

Campo sportivo e ritiro Fiorentina Calcio.

Nessun problema per il centro sportivo di Moena che ospiterà regolarmente il ritiro della squadra di calcio della Fiorentina e, soprattutto, per la tribuna da 2 mila, realizzata per l’occasione. La struttura, pur presentando le certificazioni richieste, è stata ricontrollata così da garantire il massimo livello di sicurezza statica e del terreno, anche dopo il nubifragio dello scorso martedì. Confermati quindi gli allenamenti e le amichevoli programmate dalla squadra viola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vede i carabinieri, che hanno fermato un altro, accosta e spegne l'auto: denunciato

  • Vino DOC falso da Pavia a Lavis: blitz della Guardia di Finanza

  • Vino DOC contraffatto: perquisizioni in Trentino, blitz all'alba e sette arresti

  • Tragedia a Villazzano: anziana muore intrappolata nell'incendio

  • Padre e figlio bracconieri denunciati in Val di Sole: stavano decapitando un cervo

  • Investita in via al Desert: è gravissima

Torna su
TrentoToday è in caricamento