Violento temporale a Moena: allestiti dalla Croce Rossa 30 posti letto d'emergenza

Strade trasformate in fiumi, torrenti che esondano ed una frana sulla strada del Passo san Pellegrino. Ecco gli aggiornamenti della Protezione Civile

foto Croce Rossa Italiana Comitato locale Fassa

Vigili del Fuoco e Croce Rossa sono al lavoro a Moena ed in tutta  la Val di Fassa per gestire  le conseguenze della bomba d'acqua che si è riversata sulla valle del Trentino orientale nel pomeriggio di oggi, martedì 3 luglio.

VIDEO: le strade di Moena invase da acqua e detriti

In paese sono stati già allestiti 30 posti letto per persone sfollate ed un posto medico avanzato. Fortunatamente non si segnalano per ora feriti. Le conseguenze per la viabilità sono però disastrose.

Aggiornamento mercoledì 4 luglio: ecco la situazione

Il paese di Moena è completamente  bloccato, la strada che sale al passo san pellegrino è chiusa a causa di una frana e diversi smottamenti.

Ecco la nota della Protezione Civile del Trentino:

L’acqua, rilasciata dai pendii del passo San Pellegrino, ha invaso la statale delle Dolomiti all’altezza dell’albergo Cavalletto, formando nel centro di Moena un torrente fangoso. A scopo precauzionale un centinaio di persone sono state evacuate dalle proprie abitazioni e nel campo sportivo si sta già allestendo una tendopoli di prima accoglienza. Il torrente Costalunga è esondato. Le immagini radar della Protezione Civile del Trentino hanno evidenziato una zona circolare con un raggio di 6 chilometri centrato sull’abitato di Moena, in cui si sono concentrate le precipitazioni dalle ore 14 alle 18, con circa 130 millimetri di pioggia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento