Minorenne ubriaca finisce al pronto soccorso, denunciati i baristi

Indagini dei carabinieri hanno portato ad identificare il bar di Cavalese dove la ragazza, minore di 16 anni, avrebbe passato la serata al termine della quale è dovuta ricorrere al pronto soccorso: nel sangue un tasso alcolemico di 2,6g/l. Dovranno chiarire la loro condotta davanti al giudice i due baristi denunciati

Aver dato da bere alcolici ad un minore potrebbe potrebbe costare caro a due baristi di Cavalese. Per ora i due sono stati denunciati a piede libero, e dovranno rispondere all'autorità giudiziaria della contravvenzione sia alla norma del codice penale che alla disposizione amministrativa provinciale che regola la somministrazione di bevande alcoliche. Ad incastrarli sarebbe un certificato medico, spedito d'ufficio ai carabinieri dal Pronto Soccorso di Cavalese dove la sera prima era finita una ragazza minore addirittura di 16 anni in stato di intossicazione alcolica. Le analisi del sangue hanno riscontrato un tasso di 2,66 g/l. Grazie a testimonianze raccolte dalla ragazza e da altre persone in paese, i carabinieri hanno identificato il bar dove la ragazza avrebbe passato la sera di eccessi, e denunciato il titolare ed il barista. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Poliziotto trascinato da una moto in fuga sulla statale per 500 metri: in prognosi riservata

  • Camion perde il carico sulla "Maza": traffico in tilt tra la Busa ed il Garda

Torna su
TrentoToday è in caricamento