Mezzo chilo di marijuana nell'auto, a casa cocaina e sostanze da taglio

Fermati ad un posto di blocco alla Rocchetta ieri i due hanno mostrato un'agitazione che ha insospettito i carabinieri, fondamentale l'impiego del cane antidroga Bac

Sono stati fermati alla Rocchetta con mezzo chilo di marijuana nell'auto, ma nella casa di uno dei due sono stati trovati anche 50 grammi di cocaina e del mannitolo, dolcificante comunemente usato per "tagliare" la sostanza ed aumentare così il guadagno che, insieme alla cannabis, avrebbe potuto fruttare fino a 5000 euro.

I due, un 23enne ed un 45enne solandri, sono stati arrestati ieri dai crabinieri di Cles. Fondamentale, come già in alcuuni casi analoghi di recente cronaca, l'intervento del cane antidroga della Guardia di Finanza di Trento, Bac. L'unità cinofila, impegnata nel  pmeriggio di ieri in un controllo mirato nella zona tra piazza Dante e piazza Portela a Trento, è stata chiamata sul poosto dai militari, accortisi di una certa agitazione mostratta dai due fermati. I due compariranno stamani  davanti al giudice per il rito direttissimo. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    L'avventura di Sandro Rossi sul Satopanth, la "Via della Verità" dell'Himalaya

  • Green

    A22: energia gratis per le auto elettriche grazie all'impianto eolico

  • Incidenti stradali

    Albiano: investita mentre attraversa la strada, grave una donna di 83 anni

  • Economia

    Porfido, Cgil plaude ai macrolotti e rilancia: "Anche per le concessioni esistenti"

I più letti della settimana

  • Sgominata una banda dello spaccio: 14 arresti, sequestrati 18 chili di hashish

  • Ritrovato il corpo senza vita dell'escursionista disperso da ieri sulle Dolomiti

  • Incidente nella notte a Mezzolombardo, sette feriti

  • Volo a bassa quota, presto una realtà per l'elicottero del 118 trentino

  • Piantagione di cannabis scoperta dalla Polizia Locale, si cercano i responsabili

  • Pedofilia, 10 arresti: in uno dei pc anche un dossier su Yara

Torna su
TrentoToday è in caricamento