Medici: accordo per risolvere problema a Lavarone e Luserna

L'accordo modifica il rapporto numerico tra assistiti e medici, che sta alla base della definizione delle cosiddette 'zone carenti'

È stato firmato oggi con i sindacati della medicina generale l’accordo che ridefinisce le modalità e le regole per l’inserimento di nuovi medici di medicina generale nel territorio, risolvendo anche in tal modo la specifica criticità, recentemente manifestatasi, della difficoltà di scelta del proprio medico di fiducia da parte della popolazione dei Comuni di Luserna e di Lavarone. L'accordo modifica il rapporto numerico tra assistiti e medici, che sta alla base della definizione delle cosiddette 'zone carenti', cioè dove è opportuno completare l'assistenza offerta alla popolazione e la possibilità di scelta attraverso l'inserimento di un ulteriore nuovo medico di medicina generale.Contestualmente, l’assessorato provinciale e l’Azienda sanitaria di Trento si sono presi l’impegno di presentare, entro il prossimo mese di novembre, una proposta di modifica degli ambiti territoriali. Per lo specifico problema di Luserna e Lavarone, è stata concordata la procedura per assicurare in tempo utile sia l’avvio delle procedure necessarie per individuare e inserire un nuovo medico, sia l’individuazione, nel frattempo, di un incaricato provvisorio. 

"Ringrazio le rappresentanze sindacali per la disponibilità a ricercare insieme dei parametri più elastici che favoriranno i territori più periferici", ha dichiarato l'assessore alla salute, Luca Zeni. "In tal modo potremo dare immediata risposta alle richieste della popolazione di Lavarone e Luserna, come avevamo peraltro garantito. Nei prossimi mesi lavoreremo su una proposta di ridefinizione degli ambiti, tema molto delicato perché ambiti minori significa minore possibilità di scelta per il paziente, quindi occorre grande attenzione. Dispiace constatare che nei pochi giorni di discussione sulla questione, qualche esponente politico non abbia sospeso la propria personale battaglia di attacco al sistema sanitario trentino e abbia provato ad utilizzare anche questa normale trattativa a fini inutilmente critici".

Potrebbe interessarti

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Parabrezza in frantumi: colpa di una pigna

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Si schiantano e rimangono incastrati sotto lo scooter: arrivano i Vigili del Fuoco con le pinze idrauliche

Torna su
TrentoToday è in caricamento