Malaria, l'assessore Zeni: "Caso forse legato a cambiamenti climatici"

"Perchè ci sia contagio deve esserci un vettore, una zanzara adatta a trasportatre la malattia, la questione ha eventualmente a che fare con i cambiamenti climatici"

"L’eventuale presenza di zanzare in grado di veicolare il parassita è una questione che ha eventualmente a che fare con i cambiamenti climatici". E' quanto afferma l'assessore alla Sanità Luca Zeni in una nota pubblicata ieri dopo le polemiche scatenate dal caso di malaria in Trentino. La nota ribadisce ancora una volta che per esserci contagio deve esserci un vettore, ovvero una specie di zanzara adatta a trasportare la malattia.

"La malaria non è trasmissibile per contatto, la possibile presena di zanzare non è correlata al tema dell'immigrazione. In un momento in cui si stanno cercando risposte, una delle poche cose certe è che non è da ricercare nel fenomeno dei richiedenti asilo la causa della morte della piccola Sofia. La richiesta che faccio in questo momento è quella di non alimentare confusione e scatenare atteggiamenti poco razionali".

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Rovereto, scoperte due specie arboree ignote alla scienza

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Cosa fare a Trento nel week-end: musica dal vivo, feste e castelli aperti

  • Incidente sulla A22, schianto auto-camion: traffico in tilt

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

  • Sedicenne trentino grave dopo un tuffo da 10 metri in Salento

Torna su
TrentoToday è in caricamento