Malaria, Bordon: "Abbiamo eseguito un'indagine interna, la consegneremo alla Procura"

Indagine interna quasi ultimata, "la consegnerò personalmente al Procuratore", spiega il direttore generale di Apss

"Sono stato informato dal presidente Ugo Rossi e dall’assessore Luca Zeni che è stata richiesta copia al Ministero della relazione sul caso di malaria consegnata alla Procura di Trento. L’Apss non commenterà nulla fino a quando non avremo visionato la documentazione". Queste le parole, diffuse tramite l'Ufficio Stampa provinciale, del  direttore dell'Azienda sanitaria Paolo Bordon sui recenti sviluppi del caso di  malaria a Trento, costato la vita ad una bambina di 4 anni.

L'Azienda sanitaria, fa sapere Bordon, sta svolgendo delle indagini interne, che consegnerà spontaneamente alla Procura: "La commissione che ci ha supportato nelle indagini interne composta, tra gli altri, dal professor Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto nazionale delle malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, sta completando la relazione e non appena la riceverò la consegnerò personalmente al procuratore dottor Marco Gallina quale contributo dell’Apss nella vicenda legata alla morte della piccola Sofia, mettendoci a completa disposizione delle autorità preposte. La verità è dovuta principalmente ai familiari della bambina ma anche al nostro personale medico e infermieristico che ha sempre lavorato con impegno e dedizione e che è molto provato da questa vicenda". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabinieri di Trento, sequestrate 50mila confezioni di cosmetici all'arnica per mezzo milione di euro

  • Paura per un grave incidente a Mattarello: pedone travolto mentre attraversa sulle strisce

  • Incidenti, si schianta con l'auto contro un muretto: morta mamma di quattro figli

  • Autovelox sulle strade trentine, ecco dove saranno a gennaio

  • San Giovanni di Fassa, guida ubriaco l'auto di un altro: patente sospesa per due anni

  • A 176 all'ora in galleria: beccato con il telelaser

Torna su
TrentoToday è in caricamento