Malaria, i periti della Procura confermano: Sofia contagiata al Santa Chiara

Anche secondo i consulenti veronesi della Procura di Trento il contagio della piccola Sofia, morta di malaria il 4 settembre scorso, sarebbe avvenuto in ospedale. I consulenti della Procura sono giunti alle stesse conclusioni dei colleghi che hanno analizzato la situazione per conto del Ministero. La Procura di Trento otterrà la relazione completa entro fine mese. E’ stato confermato che il ceppo di malaria che ha ucciso Sofia è lo stesso riscontrato in una delle due bambine africane ricoverate nello stesso periodo all’ospedale trentino. Dovendo escludere che il contagio possa essere avvenuto da una zanzara autoctona o importata, l’unica ipotesi possibile resta quindi l’errore sanitario.

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Schianto contro un camion sul rettilineo: muore motociclista

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

Torna su
TrentoToday è in caricamento