Lupo e orso, Bolzano si ritira dai progetti Life Ursus e WolfAlps

L'assessore Schuler ed il governatore Kompatscher: "Ora andremo all'attacco, serve un tetto". La presenza del lupo al passo Fedaia preoccupa così come, per quanto riguarda l'orso, il caso del vicino Trentino

La Provincia autonoma di Bolzano si ritirerà dai progetti Life Ursus e WolfAlps: ad assicurarllo è l'assessore provinciale Arnold Schuler che ha spiegato, in accordo con il governatore Arno Kompatscher, di voler fare pressioni a Roma ed a Bruxelles affinchè si istituisca un tetto massimo per i lupi, aspetto finora escluso dal progetto europeo WolfAlps.

La notizia è stata data dal quotidiano online Stol.it, sembra che a far traboccare il vaso sia stato proprio il lupo, ed in particolare gli attacchi da parte del lupo a greggi di pecore sul passo Fedaia. Attacchi, mai visti prima, che hanno costretto alcuni pastorio a scendere a valle interrompendo l'alpeggio a metà stagione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coranavirus, supermercati presi d'assalto anche in Trentino

  • Un caso di Coronavirus in Alto Adige

  • Vastissimo incendio, la montagna brucia da due giorni e le fiamme lambiscono le case

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Gravissimo incidente in A22, auto si schianta contro un tir: muore un uomo

  • Nuovo caso di coronavirus in Trentino: è una donna del Lodigiano in vacanza a Folgarida

Torna su
TrentoToday è in caricamento