Lupo investito nella notte sulla Valsugana

La carcassa a bordo strada è stata notata questa mattina da alcuni automobilisti che hanno chiamato i forestali. Nessun dubbio: si tratta di un lupo

E' sicuramente un lupo, e non uno sciacallo dorato, l'animale investito nella notte sulla statale della Valsugana. La carcassa è stata ritrovata questa mattina a bordo strada nei pressi di Castelnuovo da alcuni automobilisti che hanno chiamato la forestale. Certa anche la causa della morte, per investimento.

Sebbene avvvenuto in circostanze piuttosto infelici si tratta comunque di un ritrovamento importante visto che finora la preenza di lupi in Trentino era acertata solamente nella zona al confine con la provincia di Verona, dove da anni si è stanziato un branco di circa 14 esemplari, ed in Val di Rabbi, dove sono stati avvistati uno, o forse due lupi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli esperti del Servizio Foreste e Fauna della Provincia evidenziano come i fenomeni di dispersione siano molto diffusi per questo tipo di animale e che gli investimenti stradali ne siano la seconda causa di morte in Italia, dopo il bracconaggio. Gli esami genetici che verranno effettuati nelle prossime settimane sul corpo del lupo rinvenuto a Castelnuovo cercheranno di stabilirne la provenienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

Torna su
TrentoToday è in caricamento