Adige in piena nella notte, a Ponte San Lorenzo oltre 1.800 mc al secondo

Con l'avvicinarsi del giorno e la diminuzione delle precipitazioni il livello della portata è poi sceso gradualmente, arrivando questa mattina alle 8.30 a 1.547,13 metri cubi al secondo

Il livello del fiume Adige - osservato speciale da parte della Protezione civile del Trentino - è sceso questa mattina dopo essere salito nel corso delle notte, quando era attesa la piena più consistente. La portata,  misurata al Ponte di San Lorenzo a Trento, è cresciuta a partire dal tardo pomeriggio, aumentando sempre più e raggiungendo il suo colmo - come si vede dai dati dell'idrometro provinciale -  con i 1.895,58 metri cubi di acqua al secondo alle ore 3. Il livello dell'acqua è arrivato anche a superare i cinque metri e mezzo, tornando sotto i quattro metri (4,78) questa mattina alle 8.45. Con l'avvicinarsi del giorno e la diminuzione delle precipitazioni il livello della portata è poi sceso gradualmente, arrivando questa mattina alle 8.30 a 1.547,13 metri cubi al secondo. La situazione, sotto controllo, è costantemente monitorata. Nel corso della notte, in accordo con la regione Lombardia, è stata aperta la galleria Adige-Garda che ha permesso di deviare parte della portata del fiume, alleggerendo la pressione sul veronese. Per fare un termine di paragone, nel 1966, anno dell'alluvione a Trento, il livello dell'Adige quando esondò era di 6.3 metri con una portata di 2320 m3/s. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Il treno Bolzano-Milano è realtà: Frecciarossa dal 15 dicembre

  • Il Rifugio Altissimo si trasforma in una statua di ghiaccio: le immagini impressionanti

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

  • Trento Città del Natale: Mercatini, Notte Bianca, Capodanno. Ecco tutte le novità

  • Camion sbanda e finisce contro il guard rail: chiusa una corsia della Valsugana

Torna su
TrentoToday è in caricamento