Legionella: tre morti, denunciati 8 titolari d'albergo

Il Nas di Trento ha deferito in stato di libertà 8 albergatori dopo i casi, di cui purtroppo tre mortali, avvenuti sull'Altopiano della Paganella

Sono otto i titolari di alberghi denunciati con l'ipotesi di reato di omicidio colposo per i casi di legionella avvenuti sull'Altopiano della Paganella la scorsa estate: 19 casi, di cui purtroppo 3 mortali. Le indagini dei Nas hanno confermato che due dei tre turisti deceduti avevano soggiornato, in momenti diversi, nella stessa stanza

Apss: "Nessun caso di influenza suina"

L'accusa mossa dagli inquirenti è quella di non aver provveduto ad un'adeguata manutenzione degli impianti dell'acqua dcalda, dove può proliferare il batterio. Dal 2015 esiste infatti un apposito Piano di valutazione del rischio legionellosi, al quale le strutture alberghiere sono obbligate ad attenersi.

Gli accertamenti avrebbero messo in luce una "grave sottovalutazione" del rischio legionellosi da parte di quasi tutte le strutture interessate, facendo emergere una serie di anomalie, tra cui la mancanza di un'adeguata manutenzione degli impianti termo-sanitari e la non corretta gestione delle temperature nella rete di distribuzione interna e serbatoi di accumulo dell'acqua calda sanitaria, di molto inferiore a quanto raccomandato dalle relative linee guida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Previsioni del tempo, neve in arrivo anche a bassa quota

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento