Banda della droga in Valsugana: arrestato un latitante in Slovenia

Uno dei sette latitante è stato arrestato dalla polizia slovena

L'arsenale sequestrato nel corso dell'operazione Zaghi

Spuntano altri 2,7 chili di marijuana nell'abitazione di uno degli arrestati dell'operazione Zaghi, mentre la polizia slovane arresta uno dei sette latitanti. Sono  risultati che vanno ad aggiungersi a quelli già conseguiti dalla Questura di Trento nel corso della maxioperazione che ha portato a sgominare una banda di narcotrafficanti formata da persone italiane e cittadini di Stati balcanici. 

Il bilancio dell’indagine era di 29 persone coinvolte di cui 22 persone arrestate, 11 custodie cautelari in carcere; 5 custodie cautelari agli arresti domiciliari e 7 latitanti all’estero. Dopo l'arresto di un membro bosniaco della banda, da parte della polizia slovena a Obrezje, il numero dei latitanti è sceso a 6.

Nel corso dell’operazione sono state sequestrate 11,4 kg di stupefacente: 3 kg di marijuana; 1 kg di cocaina; 2 kg di metamfetamine; 0.4 kg di cocaina e 5 kg di hashish. Sono state inoltre sequestrate: 4 autovetture, una moto e 12 fucili più di 13.500 di euro in contanti. L'ulteriore "pacco" di marijuana sequestrato ieri pomeriggio era nascosto in un capannone utilizzato per l'allevamento di animali. La droga era nascosta in un'intercapedine tra il soffitto del capannone ed un controsoffitto di mattoni. 

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Pasubio: finalmente riaperta la Strada delle 52 gallerie

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

  • In montagna senza smartphone: il rifugio è gratis

  • Si tuffa nel lago e sviene: è la "sincope da immersione", recuperato dai Vigili del Fuoco a nuoto

Torna su
TrentoToday è in caricamento