Bruciata la lapide delle vittime delle Foibe, questa volta ci sono le telecamere

Ennesimo atto vandalico alla lapide di Largo Pigarelli. Indagano Digos e Polizia Locale, anche grazie alle immagini delle telecamere

Potrebbero arrivare dalle telecamere installate nella zona di largo Pigarelli le informazioni utili ad identificare i responsabili dell'ennesimo atto vandalico ai danni della lapide che commemora le vittime delle Foibe. Coperta di vernice nera, divelta e addirittura rubata, in passato, e poi sostituita, la lapide commemorativa questa volta è stata bruciata: la parte in plexiglass è andata completamente distrutta. E' successo nella notte appena trascorsa.

Il Comune informa che la Polizia Locale, insieme alla Dogos, ha dato corso alle indagini e che la lapide sarà ripristinata non appena terminata la fase investigativa. Il presidente della Provincia Ugo Rossi ed il presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti hannno immediatamente condannato il gesto. Ogni anno la lapide diviene luogo di ritrovo, oltre che per le celebrazioni  ufficiali del Giorno del Ricordo, per i movimenti di estrema destra il 10 febbraio ed è perciò bersaglio di vandalismi di stampo politico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Coronavirus: chiuse scuole, asili e Università

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

Torna su
TrentoToday è in caricamento