La Vis, confermata la condanna per gli ex vertici

La Corte d’appello ha confermato la condanna a 8 mesi di reclusione per l’ex presidente Roberto Giacomoni, l’ex direttore Fabio Peratoner e l’ex vicedirettore Cesare Andermarcher. Gli ex vertici del gruppo sono accusati di aver occultato una fideiussione da 12 milioni di euro dal bilancio della cantina

Mentre la Cantina La Vis si trova alle prese con il piano di salvataggio e il reperimento di liquidità per tentare l'aggregazione con Cavit (ieri l'incontro tra i sindacati e il numero uno della Cooperazione Diego Schelfi) la Corte d’appello ha confermato la condanna a 8 mesi di reclusione per l’ex presidente Roberto Giacomoni, l’ex direttore Fabio Peratoner e l’ex vicedirettore Cesare Andermarcher. Gli ex vertici del gruppo sono accusati di aver occultato una fideiussione da 12 milioni di euro dal bilancio della cantina. Sul fronte occupazionale restano le preoccupazioni dei sindacati per il futuro dei 60 dipendenti di Casa Girelli, la controllata di La Vis che rischia di essere soffocata dalla mancanza di liquidità pur avendo mercato. Cassa Rurale di Trento e le altre banche che fanno parte degli 11 istituti coinvolti nel finanziamento di La Vis saranno al centro delle trattative prima del prossimo incontro di aggiornamento che si terrà a metà della prossima settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Previsioni del tempo, neve in arrivo anche a bassa quota

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento