Aprivano le auto in sosta sulla A22 senza far scattare l'allarme: arrestati due "professionisti" del furto

Grazie ad un inibitore di frequenze riuscivano ad agire indisturbati. Un anno fa la prima denuncia per un furto sulla A22, l'auto non presentava segni di effrazione

Riuscivano ad aprire le auto in sosta senza far suonare l'allarme grazie ad un congegno elettronico chiamato "jammer" i due professionisti dello scasso arrestati dalla Polizia Stradale di Trento dopo una serie di furti avvenuti nelle aree di sosta della A22. Un disturbatore di frequenze illegale, il cui uso in Italia è consentito solamente a forze dell'ordine ed esercito: questa  l'arma segreta  con la quale i due riuscivano ad agire indisturbati, mentre i proprietari delle auto erano all'autogrill a bere un caffè.

Un anno fa la prima denuncia: un automobilista che si era fermato all'area di servizio Adige Ovest avveva trovato l'auto "ripulita" senza segni di scasso. A luglio, dopo mesi di indagini è stato arrestato uno dei due malviventi, ieri l'operazione si è conclusa quando il complice ha deciso di costituirsi.

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Pasubio: finalmente riaperta la Strada delle 52 gallerie

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

Torna su
TrentoToday è in caricamento