Istituto Pertini, demolizione totale: nuova scuola nel 2022

Al ritorno dalle vacanze studenti ed insegnanti saranno sistemati in un prefabbricato fino a fine anno, l'edificio sarà completamente demolito e ricostruito ma non prima del 2022

Ultima settimana di lezioni all'Istituto Pertini, poi da gennaio studenti ed insegnanti si sposteranno in un prefabbricato provvisorio per consentire i lavori di demolizione totale della scuola. L'edificio sarà  completamente ricostruito, ma l'inaugurazione è prevista non prima del 2022. 

E' quanto hanno annunciato ieri i dirigenti  provinciali all'incontro con studenti, docenti e genitori dell'istituto di formazione professionale. I lavori di demolizione in un primo momento avrebbero dovuto riguardare solamente una parte dell'edificio. In estate, fortunatament quando  la scuola era vuota, sii è verificato un crollo di calcinacci. Successivamente nei mesi di luglio ed agosto sono state fatte dellev erifiche, ed i  lavori di  demolizione hanno preso il via in ottobre, ad anno scolastico avviato. 

Il 5 dicembre scorso parte del materiale è crollato sulla parte sotterranea ancora in uso, creando non poca apprensione. La scuola venne chiusa anticipatamente per il Ponte dell'Immacolata, poi riaperta giovedì 14 dicembre. Ieri la decisione di abbattere completamente l'edificio, e ricostruirlo, è stata comunicata ufficialmente. Al ritorno dalle vacanze i ragazzi, e gli insegnanti, saranno sistemati fino alla fine dell'anno scolastico, in una struttura provvisoria. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Camion perde il carico sulla "Maza": traffico in tilt tra la Busa ed il Garda

  • Fuga di Gpl sulla Valsugana: bloccata anche la ferrovia Trento-Bassano

Torna su
TrentoToday è in caricamento