Insultano gli abitanti di Aldeno su Wikipedia: denunciati tre studenti

Il 29 agosto sindaco di Aldeno aveva sporto denuncia perché qualcuno aveva modificato la voce del paese su Wikipedia chiamando gli abitanti della località con l'appellativo "merde"

La vicenda risale al 29 agosto scorso: Il sindaco di Aldeno Emiliano Beozzo aveva sporto denuncia contro ignoti perché qualcuno aveva modificato la voce del paese trentino su Wikipedia chiamando gli abitanti della località con l'appellativo "merde" La modifica è stata fatta fatta tramite la rete del' Università degli studi di Trento, quindi è stato facile per i carabinieri risalire agli autori del fattaccio.

"Una ragazzata, abbiamo scelto Aldeno a caso". Così si giustificano i tre studenti in merito alla loro goliardata, chiedendo al sindaco - con il quale hanno già preso appuntamento e al quale sono pronti a porgere le loro più sentite scuse- di ritirare la querela. " Dipendesse solo da me sì" ha sentenziato il primo cittadino, il problema è che "quanto è successo ha fatto arrabbiare 3064 abitanti, prima li voglio vedere in faccia". Ai posteri l'ardua sentenza.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ovuli di coca ed eroina: fermati al Brennero con 2,5 chili nello stomaco

  • Attualità

    Riaperta la strada di Cembra, chiusa per frana

  • Politica

    Pesticidi: il clorpyriphos doveva essere bandito in Trentino dal 2016

  • Cronaca

    Pregiato Bordeaux francese, in realtà vino da 2 euro: ecco la truffa

I più letti della settimana

  • Incidente mortale, esce di strada e finisce in un burrone: morto 38enne

  • Ragazzo scomparso da casa, l'appello su facebook: "Aiutateci a ritrovarlo"

  • E' Cristina Pavanelli, trentina, la donna morta sul Flixbus in Germania

  • Forbes, 5 città italiane da visitare prima che lo facciano tutti: Trento c'è

  • "Salvini togli anche questi": a Trento arriva la 'protesta dei lenzuoli bianchi'

  • Malore alla guida: accosta con l'auto e urta un'Ape

Torna su
TrentoToday è in caricamento