È trentina la start up per lo sviluppo dei servizi con la moneta digitale

Inbitcoin è costituita da 18 soci fondatori e con capitale interamente privato: grazie ai bitcoin e QR code si può comprare una birra o fare spese ancora prima di entrare in un locale

marco amadori

È nata in Trentino Alto Adige, a Rovereto, ma ha una sede anche a Milano, la prima startup fintech dedicata allo sviluppo di prodotti e servizi per l'utilizzo di Bitcoin. Si chiama Inbitcoin, ed è costituita da 18 soci fondatori e con capitale interamente privato dei lavoratori, che sono designer, programmatori, docenti di Leadership dell'Università Bocconi, DevOps. Al centro il bitcoin, moneta digitale open-source fruibile via internet e accessibile attraverso il proprio smartphone. Scambiato in tutto il mondo con le altre monete, nel 2015 il prezzo di 1 bitcoin ha registrato una variazione tra i 150 e i 400 euro. A metà 2016 vale circa 550 euro. Marco Amadori, è uno dei soci di 'inbitcoin'.

Qual è la situazione del bitcoin in Italia?

Normalmente l’Italia è più arretrata tecnologicamente di altri Paesi del Nord Europa, e il Bitcoin non fa eccezione: ci sono più bitcoiners in Olanda, Germania e Regno Unito di quanti ce ne siano in Italia. Ma la situazione attuale potrebbe rovesciarsi molto in fretta, perché le persone che traggono maggior beneficio dall’uso dei bitcoin sono i turisti e i possessori di smartphone. Per il turismo non c’è un Paese come l’Italia al mondo, e gli italiani svettano nelle classifiche europee come numero di telefoni mobile per abitante. Inoltre in Italia abbiamo alcuni tra i banchieri più esperti al mondo in questa tecnologia.

Qual è la particolarità di Inbitcoin?

È l’unica startup italiana che lavora col bitcoin che ha al suo interno sia un team strutturato aziendale e di vendita, sia un team di sviluppo. Possiamo tradurre così idee innovative in servizi e prodotti funzionanti.

Cosa significa per voi innovazione?

Oggi grazie ai bitcoin e ai QR code associati si può comprare una birra quando si è in auto nelle vicinanze del locale e ancora prima di entrarci: un servizio che forniamo anche noi, ed è già operativo in Trentino Alto Adige. Si può anche contribuire al restauro di un'opera, grazie ad un QR code posto a lato di essa nei musei: per ora è solo un'idea, ma ci sono già dei partner museali con i quali stiamo discutendo.

Come è nata Inbitcoin?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 2014, quando ero tecnologo presso la Fondazione Bruno Kessler di Trento e mi occupavo di Web Semantico e Data Augmentation, ricevetti l'incarico di preparare un seminario sulle tecnologie bitcoin. Fu un successo e da allora lo studio di bitcoin divenne per me una priorità. Ogni mia ora era dedicata ossessivamente allo studio della tecnologia e si insinuava in me la voglia di occuparmene a tempo pieno. Da allora cominciai a creare una rete di professionisti che come me credono in questo sogno lucido, fino ad arrivare al 10 giugno 2016, quando la startup innovativa inbitcoin è diventata finalmente entità legale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento