Caso malaria: consegnati in Procura i dati dell'indagine interna dell'Apss

Consegnata dall'Apss alla Procura la relazione svolta da una commissione interna, si indaga sul "fatale errore" che potrebbe aver causato la morte della piccola Sofia

Sono stati consegnati oggi alla Procura di Trento dall'APSS i dati relativi all'indagine interna condotta dall'azienda sanitaria sul caso della morte della piccola Sofia, la bmba di 4 anni deceduta per malaria il 4 settembre.

A comunicarlo è la stessa azienda sanitaria annunciando la conclusione della prima fase del lavoro svolto da una commissione interna sulla verifica dei protocolli di gestione del reparto malattie infetttive dell'Ospedale S. Chiara. Secondo l'altra relazione, condotta dall'Istituto Superiore di Sanità e consegnata nelle scorse settimane alla Procura di Trento, la malattia sarebbe infatti stata contratta in ospedale.

Si continua ad indagare dunque per chiarire se la morte della bimba possa essere stata causata da un tragico, purtroppo fatale, errore umano. E' bene precisare che la Procura di Trento segue autonomamente le analisi del caso, e che entrambe le relazioni, quella dell'ISS e quella dell'APSS sono state consegnate come contributo alle indagini.  

Potrebbe interessarti

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Parabrezza in frantumi: colpa di una pigna

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Escherichia coli nell'acquedotto: in 90 con sintomi gastrointestinali. Il sindaco: "Bollite l'acqua"

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

Torna su
TrentoToday è in caricamento