Caso malaria: consegnati in Procura i dati dell'indagine interna dell'Apss

Consegnata dall'Apss alla Procura la relazione svolta da una commissione interna, si indaga sul "fatale errore" che potrebbe aver causato la morte della piccola Sofia

Sono stati consegnati oggi alla Procura di Trento dall'APSS i dati relativi all'indagine interna condotta dall'azienda sanitaria sul caso della morte della piccola Sofia, la bmba di 4 anni deceduta per malaria il 4 settembre.

A comunicarlo è la stessa azienda sanitaria annunciando la conclusione della prima fase del lavoro svolto da una commissione interna sulla verifica dei protocolli di gestione del reparto malattie infetttive dell'Ospedale S. Chiara. Secondo l'altra relazione, condotta dall'Istituto Superiore di Sanità e consegnata nelle scorse settimane alla Procura di Trento, la malattia sarebbe infatti stata contratta in ospedale.

Si continua ad indagare dunque per chiarire se la morte della bimba possa essere stata causata da un tragico, purtroppo fatale, errore umano. E' bene precisare che la Procura di Trento segue autonomamente le analisi del caso, e che entrambe le relazioni, quella dell'ISS e quella dell'APSS sono state consegnate come contributo alle indagini.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabinieri di Trento, sequestrate 50mila confezioni di cosmetici all'arnica per mezzo milione di euro

  • Paura per un grave incidente a Mattarello: pedone travolto mentre attraversa sulle strisce

  • Autovelox sulle strade trentine, ecco dove saranno a gennaio

  • Incidenti, si schianta con l'auto contro un muretto: morta mamma di quattro figli

  • San Giovanni di Fassa, guida ubriaco l'auto di un altro: patente sospesa per due anni

  • A 176 all'ora in galleria: beccato con il telelaser

Torna su
TrentoToday è in caricamento