Avrebbe favorito il figlio buttafuori: indagato capo gabinetto Questura

Al dirigente viene contestato il fatto di aver favorito un'agenzia di bodyguard nonostante questa non avesse rispettato i termini di legge per la consegna della documentazione necessaria all'iscrizione nel nuovo albo

Il capo di gabinetto della Questura di Trento, Francesco Mezzina, è indagato per abuso d'ufficio in relazione a presunte irregolarità nella concessione delle autorizzazioni per la professione di buttafuori. Fra i beneficiati ci sarebbe il figlio del dirigente di polizia, cui è stato notificato dalla Procura di Trento un avviso di conclusione delle indagini.

Al dirigente viene contestato il fatto di aver favorito un'agenzia di bodyguard nonostante questa non avesse rispettato i termini di legge per la consegna della documentazione necessaria all'iscrizione nel nuovo albo. L'iscrizione era per cinque aspiranti buttafuori-bodyguard, tra i quali il figlio del dirigente. Da qui è scattata l'accusa di abuso d'ufficio per avere comunque trattato la pratica.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Poliziotto trascinato da una moto in fuga sulla statale per 500 metri: in prognosi riservata

  • Fuga di Gpl sulla Valsugana: bloccata anche la ferrovia Trento-Bassano

Torna su
TrentoToday è in caricamento