Investe tre ragazzi sulla Affi-Peschiera: ipotesi omicidio stradale per un trentino

Sulla tragedia consumatasi nella zona del Garda veronese indagano i carabinieri: due ragazzi hanno perso la vita, il terzo è ancora gravissimo

Sono di duplice omicidio stradale e lesioni gravissime le accuse a carico del 64enne trentino che nel pomeriggio di giovedì 18 luglio ha investito tre ragazzi sulla superstrada Affi-Peschiera, uccidendone due. Inutili, purtroppo, i soccorsi per Yuri Ferrari e Adriano Fasulo, 20 e 21 anni: uno è morto sul colpo e l'altro all'arrivo dell'elicottero. Il terzo ragazzo vittima dell'incidente, il ventenne Andrea Novelli, è ricoverato in prognosi riservata all'ospedale di Verona. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Leggi la notizia su Brescia Today, clicca qui...

I ragazzi, tutti residenti in provincia di Torino, i trovavano nella zona del Garda per qualche giorno di vacanza. Si erano fermati sulla corsia d'emergenza per cambiare una ruota quando sono stati investiti dalla Volvo V70 del trentino. Sulla vicenda indagano i carabinieri di Bardolino. Fondamentale sarà la testimonianza dell'unico ragazzo sopravvissuto, ma si attende anche l'autopsia sui corpi dei due amici deceduti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento