Sicurezza per i pedoni: il Trentino si associa all'Alto Adige con "S.o.s. Zebra"

Il numero di investimenti mortali è in calo ma quello di incidenti con pedoni coinvolti resta alto rispetto alla diminuzione dei sinistri in generale

In Trentino nel 2015 ci sono stati 1211 incidenti stradali con morti o feriti, con 1641 feriti e 35 morti. Nell’ultimo triennio, anche per merito dei lavori di miglioria effettuati sugli attraversamenti dei centri abitati, il numero di pedoni deceduti a causa di investimento in Trentino è di poche unità, nonostante ciò il calo di numero di incidenti per investimento di pedoni è notevolmente inferiore alla diminuzione registrata per la totalità degli incidenti stradali dal 2003 al 2015.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' sulla base di questi dati che la Provincia da quest'anno ha aderito alla campagna "S.O.S. Zebra", attiva in Alto Addige dal 2011, per incentivare la  sicurezza dei pedoni e sensibilizzare gli automobilisti a prestare più attenzione in prossimità  degli attraversamenti pedonali. Si tratta el secondo "gemellaggio" tra Trentino ed Alto Adige riguardo alla  sicurezza stradale: l'anno scorso anche Trento aderì alla campagna "No credit" per la sicurezza dei motociclisti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento