Schianto auto-moto a Ceniga nella notte: muore motociclista di 38 anni

Tragico incidente nella frazione di Dro, la vittima è Nicola Marcabruni, di massone. Violentissimo l'impatto tra auto e moto, non ha lasciato scampo al centauro

Tragico incidente nella serata di ieri, doomenica 12 agosto 2018, sulla strada che da Dro conduce alla frazione di Ceniga, lungo la Gardesana Occidentale. L'allarme è scattato poco dopo le 20.30: due autoambulanze partiite dall'ospedale di Arco si sono precipitate sul posto per soccorrere un automobilista ed un motociclista, scontratisi frontalmente.

Un impatto particolarmente violento, secondo quanto riporta il quotidiano online Valledeilaghi.it, talmente forte  da mandare praticamente in frantumi la moto. La strada è stata subito chiusa per permettere le  operazioni di soccorso ed i rilievi ed è sttata riaperta solamente verso le ore 1.30 di notte. 

Una volta giunti sul posto i soccorritori purtroppo hanno dovuto constatare il decesso dell'uomo in sella alla moto, successivamente identificato: è Nicola Marcabruni, 38 anni, residente a Massone, frazione del Comune di Arco. Il ferito èè sttato invece trasportato d'urgenza all'ospedale di Arco: è un 51enne residente a Dro. Si trova ora ricoverato, con gravi lesioni, ma non in pericolo di vita. 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento